Home I contenuti I grandi temi Infrastrutture Ma noi l'avevamo scritto...
Ma noi l'avevamo scritto... PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Camaioni   
Mercoledì 23 Aprile 2008 22:29
In questi giorni tutta la Città si interroga, tradendo un profondo senso di inquietudine, sulla opportunità e la convenienza di erigere, nella porzione settentrionale del nostro arenile, quel vituperio architettonico definito "box per la piccola pesca". E' palpabile lo sconcerto di tutti i Cittadini al cospetto di una costruzione che, oltre a negare la possibilità di contemplare la distesa azzurra che costituisce il nostro principale valore aggiunto, offende in maniera violenta i canoni più elementari dell'estetica; i più cominciano anche a chiedersi a chi gioverà, dal momento che anche gli addetti alla pesca costiera sembrano nutrire più di una riserva sulla sua effettiva utilità, in ragione della incomprensibile esiguità dei singoli ambienti.




Città Attiva, in linea con la vista lunga che costituisce il tratto distintivo del proprio operato, aveva analizzato nel corso di un Consiglio Direttivo dello scorso Novembre le perplessità generate dalla costruzione del manufatto in questione.
Il 26 Gennaio scorso, il nostro Gruppo Consigliare ha predisposto una mozione di indirizzo letta nel corso del Consiglio Comunale tenutosi 5 giorni dopo.
Le risposte dell'esecutivo sono state aderenti con lo schema procedurale adottato all'epoca dell'insediamento, ovvero evasive, dilatorie e, soprattutto, velate da un senso di ineluttabilità che non si concilia con lo spirito di chi dovrebbe finalizzare le proprie capacità ed il proprio lavoro al miglioramento continuo del territorio dove vivono le persone che gli hanno conferito una delega amministrativa.
Nella gestione di quest'opera, l'attuale governo cittadino sta continuando a fornire la prova della mancanza di programmazione che lo caratterizza, ereditata a piene mani dal precedente (cui vanno ascritti importanti addebiti nel caso di specie), senza versare neppure il tributo di successione.
La nostra battaglia non si esaurisce qui!





 

Autenticazione

Non è necessaria l'autenticazione per inserire i commenti alle pubblicazioni!



Cerca nel sito

Ultimi commenti

Blog casuale

Meglio mandarli a casa
Ebbene, in barba alle promesse, in barba alle richieste dei nostri consiglieri, in barba ai cittadini, si discuterà del "Bilancio Comunale" e del "Piano spiaggia" rispettivamente alle 16.00 di giovedì 10 ed alle 10.00 di venerdì 11 Aprile 2008.
Perchè questa amministrazione si ostina, come in occasione della discussione sulle Linee Programmatiche di Mandato, ad impedire la partecipazione dei cittadini al dibattito consiliare?
Perchè le promesse del Sindaco vengono puntualmente disattese in occasione di discussioni importanti?
Perchè i cittadini non possono ascoltare le decisioni sul loro futuro e sul futuro del territorio direttamente dalla bocca di coloro che le determinano?
Perchè ai cittadini è negata la possibilità di ascoltare le osservazioni dei gruppi di opposizione?
Perchè i cittadini non devono essere coscienti del come e del perchè dello stato delle cose?
O forse sperano che i nostri consiglieri non partecipino all'assise, in modo da evitare il dibattito su certi punti per così dire ... "delicati"?

Convocare due Consigli che trattano l'approvazione del bilancio (quindi delle spese future) ed il piano spiaggia, entrambi strumenti fondamentali per lo sviluppo (eventuale si direbbe) del paese in quegli orari, negando, quindi, ai cittadini la possibilità di partecipare, non può che alimentare il dubbio che sia una scelta volontaria tesa a tenere nascosta nel primo caso un' incapacità cronica di programmazione, nel secondo favoritismi ad personam.

Chiediamo a tutti i Martinsicuresi ed ai Villarosani che hanno votato per questa maggioranza e che in questi giorni verranno di nuovo contattati dai soliti politicI locali che continueranno ad elargire promesse e proclami a quanto pare non supportati da fatti concreti:

E' questa l'amministrazione del rilancio per Martinsicuro?
E' questa la trasparenza amministrativa che tutti auspicavano?
E' questa l'esperienza amministrativa di cui abbiamo bisogno?
E' questo il sistema diverso di amministrare che sono venuti a promettere nelle vostre case durante la scorsa campagna elettorale?

Concittadini, la verità è che questa, al pari delle precedenti, è una amministrazione immobile e "legnificata" (parafrasando un noto personaggio martinsicurese) sui veri problemi di Martinsicuro. La verità è che a questa amministrazione interessano ben poche e precise cose ... e tutto il resto è noia. Basta guardare quanto sta accadendo in tema di rifiuti: non si sono neanche presi la briga di leggere i documenti e fare due conti per un problema sentito da tutta la cittadinanza, che tocca le tasche di tutti ma che evidentemente, a loro non interessa! Se non ci fosse stato un gruppo di giovani "inesperti" che si è dato da fare raccogliendo ed analizzando dati e numeri, a maggio ci sarebbe stato il rischio concreto di assistere all'ennesima decisione contraria al bene della collettività!

Questa è la tanto sbandierata esperienza amministrativa?

Città Attiva fa appello alla coscienza del Sindaco ed a lui chiede un atto di coraggio.
Caro Sindaco, questo martoriato comune non può più permettersi amministrazioni immobili, tese alla conservazione dell'esistente e soprattutto che guardano più agli interessi particolari che al bene della collettività. Faccia qualcosa di buono per i cittadini, cambiando radicalmente il modo di operare della sua amministrazione; se non dovesse riuscirci potrebbe sempre prenderne atto e mandarla a casa!

www.martinsicurocittattiva.it

Logo associazione Città Attiva Il sito internet dell'Associazione Città Attiva del Comune di Martinsicuro
"E' bello vivere per il proprio paese, ma è ancora più bello aiutare il proprio paese a vivere" J.F.Kennedy
Associazione Città Attiva - Sede in MARTINSICURO (TE), Via Venezia 27
web:http://www.martinsicurocittattiva.it email:direttivo@martinsicurocittattiva.it sms:3276190017

Visitatori on-line

 12 visitatori online